Fondo di garanzia per le PMI

Favorire l’accesso al credito per le piccole e medie imprese mediante la concessione di una  garanzia pubblica. 
 Soggetti beneficiari finali Piccole e medie imprese situate sul territorio nazionale valutate economicamente e finanziariamente sane sulla base dei dati bilancio ( o delle dichiarazioni fiscali) degli ultimi 2 esercizi e della situazione contabile aggiornata alla data recente.

Sono inoltre soggetti beneficiari i consorzi e le società consortili, costituiti tra PMI  e le società consortili miste
 Modalità di intervento        - Garanzia diretta concessa “a prima richiesta”, essa è esplicita, incondizionata e irrevocabile e copre, nei limiti dell’importo massimo garantito, l’ammontare dell’esposizione dei soggetti finanziatori nei confronti delle PMI.
- Controgaranzia su operazioni di garanzia concesse da Confidi ed Altri Fondi di Garanzia. Essa può essere:
  • “a prima richiesta”, se il garante di primo livello risponde in solido con il proprio patrimonio
  • sussidiaria”, nel qual caso il Fondo risponde soltanto al garante di primo livello e nei limiti delle somme da questi versate a titolo definitivo
- Cogaranzia, concessa direttamente a favore dei soggetti finanziatori e congiuntamente ai Confidi ed altri fondi di garanzia ovvero a fondi di garanzia istituiti nell’ambito dell’Unione Europea o da essa cofinanziati.

 Soggetti richiedenti Possono richiedere la Garanzia Diretta previo accreditamento: 
  • Banche anche in qualità di capofila di pool di banche iscritte all’albo 
  • intermediari finanziari 107
  • S.F.I.S. (società finanziarie per l’innovazione e lo sviluppo) iscritte all’albo
  • SGR e le Società di gestione armonizzate per le sole Operazioni sul capitale di Rischio.
Possono richiedere la Controgaranzia e la Cogaranzia: 
  • Consorzi di garanzia collettiva fidi (confidi) di cui all’art. 155, comma 4, del d.lgs 1.9.93, n. 385;
  • Altri Fondi di Garanzia gestiti da Banche e Intermediari
 Operazioni ammissibili    Le operazioni finanziarie direttamente finalizzate alle attività d’impresa, secondo modalità e criteri specifici in relazione alle tipologie di operazioni:

  • le Operazioni di durata non inferiore a 36 mesi;
  • le Operazioni di anticipazione dei crediti verso la P.A.;
  • le Operazioni sul capitale di rischio;
  • le Operazioni di consolidamento delle passività a breve termine su stessa banca o gruppo bancario di qualsiasi durata
  • le Operazioni a favore delle piccole imprese dell’indotto di imprese in amministrazione straordinaria di durata non inferiore a 5 anni
  • le Altre operazioni finanziarie
 Agevolazioni concesseGaranzia diretta: percentuale di copertura dal 30% all' 80% dell' operazione
Controgaranzia: può essere concessa sino alla misura Max del 90% sull' importo finanziato dal soggetto richiedente.

L' importo Max garantito per ciascun soggetto beneficiario è pari a € 2.500.000,00 per le fattispecie di seguito elencate:
  • Operazioni sul capitale di rischio
  • Soggetti beneficiari finali di operazioni a valere sulla Riserva PON
  • Soggetti beneficiari finali di operazioni a valere sulla Riserva POIn Energia e relative sottoriserve
  • Imprese colpite dagli eventi sismici del maggio 2012;
  • Operazioni di anticipazione dei crediti verso la P.A.;
  • Operazioni finanziarie di durata non inferiore a 36 mesi
L' importo Max garantito per ciascun soggetto beneficiario è pari a € 1.500.000, 00 per le fattispecie di seguito elencate
  • Operazioni di consolidamento delle passività a breve termine su stessa banca o gruppo bancario di qualsiasi durata
  • Operazioni a favore delle piccole imprese dell’indotto di imprese in amministrazione straordinaria di durata non inferiore a 5 anni
  • Altre operazioni finanziarie.
Per maggiori informazioni, consulta l' allegato a piè di pagina

 Procedure per la richiesta di ammissione alla garanziaLa richiesta di ammissione deve pervenire al Gestore entro 6 mesi dalla data della delibera di concessione dell’operazione da parte dei soggetti richiedenti ( nel caso di controgaranzia anche entro sei mesi dalla data di delibera dell’operazione da parte del soggetto finanziatore).

E’ consentito presentare la richiesta di ammissione prima della delibera delle operazioni da parte dei soggetti finanziatori (richiesta preventiva). 

Le proposte sono deliberate dal Comitato entro 2 mesi dalla data di arrivo o di completamento della richiesta.

Il termine per la presentazione delle istanze è fissato al 31/12/2015

Ċ
Nino Calabrò,
09 set 2013, 08:08
Comments