Sottomisura 8.3- Prevenzione danni arrecati alle foreste

PSR SICILIA 2014-2020 SOTTOMISURA 8.3- SOSTEGNO ALLA PREVENZIONE DEI DANNI ARRECATI ALLE FORESTE DA INCENDI, CALAMITA' NATURALI ED EVENTI CATASTROFICI

Soggetti beneficiari- Proprietari, Possessori e/o Titolari pubblici e privati della gestione della superficie interessata dall' impegno;
- Loro Associazioni

Nel caso di terreni demaniali, il contributo sarò concesso solo se il gestore è un ente privato o un Comune

Investimenti ammissibili

Salvaguardare e migliorare la biodiversità attraverso interventi di prevenzione di avversità o eventi catastrofici. La sottomisura inoltre contribuisce indirettamente alla riduzione dei rischi idrogeologico, di desertificazione e di incendio, e al miglioramento del ciclo globale del carbonio.

- Creazione di infrastrutture di protezione contro incendi e altri pericoli naturali quali attacchi parassitari, malattie che possono causare calamità e altri eventi catastrofici dovuti al cambiamento climatico.
- Interventi di prevenzione su scala locale contro incendi e altri pericoli naturali e difesa dal dissesto idrogeologico e dai fenomeni di erosione.
- Installazione e miglioramento di sistemi di monitoraggio e comunicazione degli incendi boschivi, delle fitopatie e delle infestazioni parassitarie.


La localizzazione dell' intervento è applicata alle aree classificate come bosco nell' intero territorio regionale.

Spese ammissibili1. Spese connesse alla realizzazione degli interventi;
- installazione o miglioramento di strutture o infrastrutture di protezione (fasce tagliafuoco, punti d’acqua e reti di distribuzione, vasche ad uso antiincendio, recinzioni, ecc.);
-  realizzazione o manutenzione di sistemazioni idraulico-forestali; 
-  sistemazioni di versanti con tecniche di ingegneria naturalistica;
- ripristino di sezioni idrauliche; 
- miglioramento della viabilità forestale ad uso antincendio boschivo; 
-  interventi finalizzati alla captazione, drenaggio e controllo del deflusso delle acque superficiali e al consolidamento della stabilità dei terreni per la prevenzione del rischio idrogeologico; 
-  adozione di adeguate pratiche selvicolturali di prevenzione (latifogliamento, decespugliamento, sfoltimento ecc.); 
-  miglioramento e diversificazione nelle aree a rischio incendio dei soprassuoli forestali nei popolamenti puri o a prevalenza di conifere o latifoglie alloctone, tramite l’impianto o la semina di latifoglie autoctone; 
-  ringiovanimento di cedui vecchi e deperienti; 
-  interventi preventivi su scala locale contro siccità e desertificazione, se giustificati da evidenze scientifiche, con introduzione di specie tolleranti alla siccità, piantagione di cespugli e arbusti, irrigazione (solo in casi debitamente motivati); 
-  trattamenti preventivi contro la diffusione di parassiti e patogeni forestali attraverso trattamenti localizzati con prodotti biologici o a basso impatto ambientale, uso di organismi antagonisti e diversificazione del soprassuolo. 

2. Spese per la redazione del Piano di Gestione Forestale, se obbligatorio e riconosciuto in percentuale in base alla superficie interessata;

3. Spese generali, compresi i costi di progettazione e direzione lavori ( Max 12% dell' importo lavori)
1) onorari di professionisti e/o consulenti 
2) altre spese generali:
- parcelle notarili e per consulenze legali inerenti alla compravendita di immobili connessi e funzionali all’investimento oggetto di finanziamento;
 -spese per la tenuta di conto corrente, purché trattasi di c/c appositamente aperto e dedicato esclusivamente all’operazione, con esclusione degli interessi passivi;
- spese per garanzie fideiussorie per la concessione di anticipi;
- spese inerenti all'obbligo di informazione e pubblicità sugli interventi finanziati dal FEASR (targhe, cartelloni, ecc.).
In ogni caso l’importo massimo ammissibile al contributo delle spese di cui al punto 2) non potrà essere superiore al 5% 

L' ammissibilità delle spese decorre dalla data di presentazione della domanda, ad eccezione di quelle propedeutiche ( progettazione, autorizzazioni, visure, etc....)

Agevolazioni concedibiliContributo in conto capitale nella misura del 100% delle spese ammissibili.

Per ciascuna domanda di aiuto presentata da privati non si potrà superare l’importo di 250.000,00 euro di aiuto pubblico elevabile a 500.000,00 di euro per le domande presentate da privati associati o da Comuni.

Attribuzione delle risorse Procedura valutativa a bando aperto  in cui viene applicato il meccanismo procedurale c.d. di “stop and go” che prevede, nell’ambito dell’intero periodo stabilito per la presentazione delle domande, l’individuazione di sottofasi temporali con frequenza periodica per la raccolta delle domande (sottofasi ricettive), intercalate da sottofasi “istruttorie” che prevedono l’avvio del procedimento amministrativo 

Dotazione finanziaria  € 25.000.000,00

Tempistiche della procedura

 Presentazione delle domande dal 20/07/2017 al 30/11/2017

Per maggiori informazioni :

Telefono: 090 9796275
Fax: 090 9704863
E- mail: info@porsicilia.it

Comments